“SUSSEGUIRE ,BATTIBALENO, SUSSURRARE. CIAO.”

Si,manco da un po’…volutamente .Quando devo riflettere non scrivo,penso…e dormo poco la notte .

 

 

17155979_1004119629719437_3367518405969468612_n

la mia notte ormai non è più per dormire,è per dire agli spigoli la fatica e la pazienza,per riflettere sul da farsi. per ridere piano. per fare la lista della spesa,programmare il futuro, mio e dei miei figli,(già…come se si potesse programmare) preparare torte di primavera
Qualcuno mi chiede…ehi come stai “Dimmi di te…”non so piu’ cosa dire di me.
sono quello che scopro ogni giorno di me…come una lista della spesa dove manca sempre qualcosa.
…ed allora sono quello che sento quando mi tocco  profonda e trasparente come il mare che amo.Sono fiato e mare..e qualche goccia di dolore. 
Io ve lo vorrei descrivere il mare.Come se fosse bacio…Come se fosse amore… 

17022108_1004119496386117_8221686610685676444_n.jpg

Ora quando mi sveglio la pelle è stropicciata intorno agli occhi, sulle tempie. Le palpebre hanno una piega nuova, leggermente cadente. Ecco il tempo. E’ una cosa, si vede, si tocca. Eppure, sono bella. Non c’è da cercare un senso a qualcosa. Non ci sono misteri da svelare, risposte o
chiavi.Ho fatto spettacoli spettacolari,ho amato fino a morire ,ho imparato a fare le conserve ,le marmellate e da un po’ anche la cucina giapponese ,ho lasciato andare e sepolto tante persone che ho amato,c’erano peonie e le ortensie li,e tanto amore nel mezzo ed intorno ,amore in tutte le direzioni.Quello che so fare, che io riesco a fare, è solo produrre piccole variazioni di luce o di direzione, di suono,sognare ,prendermi cura,far accadere le cose … E questo, solo questo, è cosa che può anche cambiare la vita di qualcuno…forse 

Allora facciamo che … Io oggi ho venti  anni e  e voglio sentire così …..:Non guarderemo più l’orologio. Decideremo noi le ore…Andremo al cinema e poi al museo e toccheremo il sedere alle statue Cammineremo sulle palpebre del mondo.Aspetteremo al tramonto uccelli che gridano sillabe Guarderemo il silenzio e scriveremo poesie indelebili.Ci metteremo il sale sulle ciglia per rimanere sempre marinai.Saremo assetati ed esultanti…..per sempre ed ogni notte.Tutte le nostre notti avranno un cielo bianchissimo con piccoli puntini blu,e vivremo insieme per sempre io,i miei figli e tutte le persone che amo. Facciamo che oggi …è così

Le parole belle di oggi sono:”Susseguire. Battibaleno. Sussurrare. Ciao.”

A tutti quelli che amo

 Gipsy

Annunci

Di calamari ripieni e di spiagge d’autunno

La ricetta dei calamari ripieni col sughetto da mangiare sulla spiaggia dell’isola.

14469482_896989647099103_8452105779725318109_n

14441215_896989807099087_5711214661538762770_n

nyt-food

La ricetta dei calamari ripieni col sughetto

una decina di  calamari(freschi eh?)

4 uova

150 g di grana grattugiato

aglio e prezzemolo

olio evo

300 g di pomodori pelati

un po’ di passata di pomodoro

sale e pepe

mollica di pane

PROCEDIMENTO:

Teniamo  da parte 6 calamari e gli altri  li tagliuzziamo e li passiamo in padella con olio e aglio.

Sbattiamo le uova aggiungiamo  la mollica di pane ,  il grana, il sale, pepe, aglio e prezzemolo ,impastiamo  fino ad ottenere un composto morbido , poi aggiungiamo i calamari fritti

Riempiamo i calamari

Nel frattempo prepariamo un sughetto veloce e leggero con un piccolo soffritto di aglio mentre i calamari vanno passati in padella con un po’ di olio e rosolati.

Mettere alla fine i calamari rosolati nel sughetto e cuocerli per una mezz’oretta.

Preparare un cesto,di quelli belli come li usavano le nostre mamme,una bella tovaglia,una coperta di lana,un buon vino bianco,qualche fetta di formaggio,frutta e cioccolato,i fiori sarebbe proprio bello ,pensare solo al mare,al cielo e a questo meraviglioso cielo d’autunno.

Si può fare!!

Love Gipsy

 

 

 

Una poesia perchè pare brutto chiamarla crostata

È urgente l’amore.
È urgente una barca in mare.
È urgente distruggere certe parole,
odio, solitudine e crudeltà,
alcuni lamenti,
molte spade.
È urgente inventare allegria,
moltiplicare i baci, i raccolti,
è urgente scoprire rose e fiumi
e mattine limpide.
Cade il silenzio sulle spalle e la luce
impura, fino a dolere.
È urgente l’amore, è urgente
Restare.

EUGENIO DE ANDRADE

 

rosewater-tart-6

rosewater-tart-7

foto e ricetta sul sito

http://www.sprinklebakes.com/2013/06/roses-and-gold-rose-water-tart.html

 

Una domenica qualunque

 

Svegliarsi presto senza farsi immalinconire dalla pioggia, decidere di preparare una colazione fantastica  ,ma prima uscire senza lavarsi,senza pettinarsi ,dopo un caffè in solitudine con pensieri belli,lasciarsi sorprendere dalle roselline rosa arrampicate al muretto ,raccoglierle, tanto la signora non mi vede,dorme ancora ,e già che ci sono le rubo pure una piantina di basilico ,salutare micio innamorato di me che sembra riconoscermi pure da lontano, che veramente è micia perché aspetta i piccolini,ripensare a ieri sera che proprio non volevo uscire e invece ho fatto bene,perché anche una notte di maggio piovosa può essere magica Penso che proprio non ci  riesco a stare ferma,con il corpo con la testa e con il cuore .E vado ,per perdermi e ritrovarmi,per attraversare mari in tempesta e aspettare albe col cielo blu,per condividere  bellezza ,per incontrare,per ritrovare il senso ,vado per cercare e trovare amore ,passione,bellezza ,per cercare qualcosa che sappia emozionarmi ,farmi tremare ,che mi faccia cambiare sguardo ,idee e direzioni ,che mi faccia ballare.

13139133_815157438615658_5602445837785946615_n

E’ ora di tornare,micio mi segue,prendo una ciotolina e gli verso il latte,mi gira intorno riconoscente,mi vuole bene,mi riconosce ,sa chi sono,ecco questo e solo questo mi ferma,preparo la colazione per i miei figli ,mia ancora,mia vita,mio biglietto di ritorno , mio viaggio infinito.

#guilty pleasure ,di primavera e del progetto Dolcevita(ovvero #socialeating and #love # life)

 

dolcevita3

Si può benissimo pensare che la magnificenza della vita sia pronta intorno a ognuno e in tutta la sua pienezza, ma velata, nel profondo, invisibile, lontanissima. E’ però non ostile, non riluttante, non sorda. Se la si chiama con la parola giusta, col nome giusto, viene.

-Kafka-

dolc

Facciamo che la  primavera  l’anima e il corpo sono in subbuglio,mettiamoci il vento magico e irrequieto del sud  che ci dice che tutto è possibile .Facciamo che il cuore stanco dell inverno vuole solo felicita’ e che la sconfitta esiste solo per poterci ricaricare,facciamo che il corpo vuole solo baci e la mente progetti magnifici che si realizzeranno.Facciamo che abbiamo tenuto duro e ci meritiamo tutto quello che di meraviglioso ancora non ci è accaduto,si facciamo che non serbiamo piu pietre nel cuore ma solo quelle che servono per costruire ponti leggeri,magari sospesi nel vuoto,

dolcevita

dolcevita4

dolcce

12647328_766223240175745_718619298073562103_n

facciamo che ogni mattina serve solo per ricominciare ,che la parola obbedienza la cancelliamo dal vocabolario e poi le unghie,si dipingiamole di rosso chanel,e poi facciamo che pure che sono quasi astemia da oggi imparerò ad ubriacarmi(solo un pochino,e solo qualche notte speciale ) e che non ci stancheremo mai di ballare fino a quando avremo un poco di respiro ,che parleremo spesso(non sempre solo qualche volta )di frivolezze per alleggerire il cuore ,si,facciamo proprio così ,proprio  oggi e per sempre,e teniamoci stretti,che cè vento forte .

dolcevita1

 

a presto i progetti

con amore Gipsysoul

 

 

Sabrina #4 E così fu …..di cicoria di tulipani e del vento dentro

79e974321f73ac19cc314369368117961.jpg

Lettera dal Land

Baviera, ultimi giorni di Dicembre

Mia preziosa, preziosa Gipsy,

ho camminato tra rami e boschi gentili, ieri, case di legno grandi e profumose di vita alla cannella, balconi decorati e fiori, e un uomo che mi è passato davanti – o attraverso, non so ancora – col vento dentro. Cercavo tulipani che non ho trovato, in mezzo a questi giardini da favola antica, perché li avevo visti nella tua cucina e volevo portarmeli a casa. Aspetterò di trovarli nel campo di fiori liberi che c’è qui, dove per un solo pensiero scritto a qualcuno e lasciato in una cassetta blu, puoi portarti via petali e colori e fiori di ogni genere. Così, con una poesia che ti atterrisce, la Baviera ti regala sogni floreali e realtà da annusare quando vuoi.

Non ho trovato i tulipani, Gipsy, ma la storia sì. La tua. Ho spostato un ramo e una signora mi ha visto nel suo giardino, d’improvviso, a spiarle il tempo e lo spazio. Io ho gridato, lei no. Ha sorriso un poco e raccolto un cestino  pieno di cose che non conosco, dello stesso colore del suo scialle invernale. E poi per me la sorpresa.

Mi ha scoperta italiana al primo sguardo, un po’ strana al secondo, e al terzo ho scoperto io che sapeva parlare la nostra lingua. Non quella del nostro paese, ma proprio la nostra, quella delle emozioni, delle storie raccontate con espressioni e gesti puliti, delle azioni sceniche essenziali, evocatrici, reali e metaforiche, assurde nell’accezione che conosciamo, la lingua della parola espressa che rimanda a immagini e sensazioni, nel più puro donarsi ogni giorno ed essere strumento e veicolo di vite che da qualche parte, in qualche tempo, vivono davvero.

Mi ha donato la storia per te, quella che cercavo dietro il sole insperato di questo inverno, su un libro che non capivo, nei chilometri che ho fatto per vedermi un altro pezzo di mondo, e che invece ho trovato in lei, capelli argento in un giardino ad anfiteatro, gesti chiari e poche parole, quelle che servivano, e il resto solo fantasia. Che io chiamo creare, ma anche essere.

8c1498cac9fadfc5d36c59642fdd5c7a.jpg

La nobile storia della cicoria e del suo fiore

“Narra un’ antica leggenda bavarese che un giorno una bellissima principessa venne abbandonata dal suo amato principe, sedotto senza speranza da una ninfa. Incredula e disperata, la principessa corse e corse, inseguita dalle sue damigelle, fino a che non giunse in un palazzo dai colori magnifici ma sbiaditi. Senza pensarci la giovane sposa entrò e inginocchiatasi al centro della grande stanza ovale, pianse giorni di lacrime e dolore.

Le damigelle non sapevano che fare, lì intono a lei le facevano da scudo, come per proteggerla. Ma la principessa non riusciva a smettere di pensare al suo amato ormai perduto, non tratteneva il pianto e il suo corpo, piegato dai singhiozzi, era via via sempre più debole. La tristezza e la paura prese le damigelle, quando dopo tanto abbattersi, la principessa esclamò

– Voglio morire, anche se non lo vorrei, perché non posso vivere pensando di non poterlo più rivedere ovunque io vada.

Allora le damigelle esclamarono all’unisono

– Se è questo che vuoi, allora anche noi lo desideriamo. Vogliamo morire, anche se non lo vorremmo, ma la nostra morte non deve essere vana: morire, si, ma che sia lui a vederci ovunque, il principe infedele, su ogni strada che percorre. Questo vorremmo.

E qualcuno ascoltò le loro preghiere, e anche se nessuno potrebbe giurare che fosse la voce di Dio, ecco che una voce le raggiunse:

– Ho ascoltato il vostro dolore e i desideri, e vi porrò rimedio e fine. Non morirete, questo è certo. Diverrete dei fiori splendidi, tutte. Ma tu, dolce e disperata principessa , avrai il colore bianco del tuo vestito di sposa splendida e vivrai in tutte le strade in cui il principe camminerà, per vederlo in eterno senza essere vista.  Voi, damigelle fedeli, vi trasformerete in splendidi fiori azzurri e abiterete tutte le vie e i campi e i luoghi che il principe si troverà a percorrere, perché in ogni angolo lui vi scorga e vi veda per primo e dappertutto.

E così fu.”

bff57bf09b4d9e0b8878c1f44c16b4751

Per questo motivo, ancora oggi, il fiore della cicoria è chiamato qui Wegwarte, “guardiana delle strade”, e si schiude all’alba per poi richiudersi al tramonto, quando il principe, lontano dalle strade, è ormai tornato al suo castello.

La tua storia Gipsy, che ha il profumo delle tue cose buone, la poesia del nostro essere teatranti, e la voce e gli occhi e i gesti di una signora bavarese sconosciuta, con un cesto in mano, in un giardino ad anfiteatro, in un giorno qualunque. Ma forse mi sbaglio. Forse, quella signora, io l’ho conosciuta in un modo in cui è difficile conoscere qualcuno. Forse l’ho conosciuta davvero.

Ti arriverà, ne sono certa, il mio lungo abbraccio,

Sabrina

f7bf491931987225b7315d4d983fbb2b

Torta Persiana pistacchi e spezie cardamomo e panna montata rosa,ovvero di sogni d’oriente e magie d’amore

Racconta una leggenda persiana  che una donna  disperatamente innamorata di un principe , ha fatto questa torta per farlo innamorare di lei.Il seguito non lo so,ma noi crediamo che ci sia riuscita .

torta d amore 2

Ho tradotto la ricetta

Ingredienti :

ricetta
1 tazza di yogurt 250ml
1 cucchiaino di lievito in polvere
6 uova
1 tazza di zucchero semolato 220 g
1 1/4 tazze di mandorle tritate 150g
1 tazza di farina 150g o semolino
6 baccelli di cardamomo
2 cucchiai di acqua di rose
6 cucchiai di pistacchi tritati
pizzico di fili di zafferano
Latte di mandorla 100ml (o latte intero)
scorza di un limone o arancio
Procedimento
Pre Scaldare il forno a 180 ° C 350F
sbucciare i baccelli cardamomo aperto e togliere i semi, schiacciare con un pestello e mortaio.
in una tazza aggiungere i fili di zafferano al latte e caldo nel forno a microonde.
In un’altra ciotola sbattete le uova e lo zucchero fino denso e cremoso poi piegare nello yogurt
piegare in mandorle tritate e il lievito. quindi aggiungere il cardamomo macinato, arancia o limone scorza e pistacchi tritati, aggiungere il acqua di rose per il composto di latte e lo zafferano e mescolare nella pastella torta e versare in una teglia foderata profondo (22 centimetri 9 pollici)
cuocere per circa 45 minuti.
durante la cottura fare uno sciroppo
succo di 1 arancia o di limone
scorza di 1 arancia o limone
1/2 tazza di acqua 125ml
1/2 tazza di zucchero semolato 125 g
2 cucchiai di acqua di rose
aggiungere tutti gli ingredienti in una pentola e lasciate cuocere fino a quando addensato. (circa 5 minuti)
pennello sulla torta calda.
decorare la torta con pistacchi tritati e petali di rosa.
Altri suggerimenti:
Preparare il dolce di notte
Indossare un abito blu  e un fiore tra i capelli
Pronunciare il nome dell’amato mentre s’inforna
Mentre il dolce si cuoce ballare a piedi nudi sulla musica preferita
Confidare nelle stelle e nel Karma
Spalmare la panna con le mani e poi leccarsi le dita

torta d amore

ricetta e foto

http://www.twiggstudios.com/2015/02/a-persian-love-cake-of-sorts-for-your/

f6927635476a80887ad1a9010775c59d