Di calamari ripieni e di spiagge d’autunno

La ricetta dei calamari ripieni col sughetto da mangiare sulla spiaggia dell’isola.

14469482_896989647099103_8452105779725318109_n

14441215_896989807099087_5711214661538762770_n

nyt-food

La ricetta dei calamari ripieni col sughetto

una decina di  calamari(freschi eh?)

4 uova

150 g di grana grattugiato

aglio e prezzemolo

olio evo

300 g di pomodori pelati

un po’ di passata di pomodoro

sale e pepe

mollica di pane

PROCEDIMENTO:

Teniamo  da parte 6 calamari e gli altri  li tagliuzziamo e li passiamo in padella con olio e aglio.

Sbattiamo le uova aggiungiamo  la mollica di pane ,  il grana, il sale, pepe, aglio e prezzemolo ,impastiamo  fino ad ottenere un composto morbido , poi aggiungiamo i calamari fritti

Riempiamo i calamari

Nel frattempo prepariamo un sughetto veloce e leggero con un piccolo soffritto di aglio mentre i calamari vanno passati in padella con un po’ di olio e rosolati.

Mettere alla fine i calamari rosolati nel sughetto e cuocerli per una mezz’oretta.

Preparare un cesto,di quelli belli come li usavano le nostre mamme,una bella tovaglia,una coperta di lana,un buon vino bianco,qualche fetta di formaggio,frutta e cioccolato,i fiori sarebbe proprio bello ,pensare solo al mare,al cielo e a questo meraviglioso cielo d’autunno.

Si può fare!!

Love Gipsy

 

 

 

Annunci

La filosofia degli gnocchi,procedere seguendo l’istinto.

13055506_808583305939738_9193144360869408855_nE’  sabato fuori, ancora buio ed è pure primavera,e cè profumo nell’aria,di acacia ,di rose ,anche dentro casa.C’è ancora il disordine del venerdi’ sera con gli amici,qualche bicchiere di vino lasciato a terra,cicche di sigarette e quell’atmosfera che mi piace tanto di  tracce, di pensieri ,chiacchiere e di volersi bene:Ho voglia di andare fuori ,metto sulle spalle la trapuntina di cotone ed esco in giardino a piedi nudi,mi sento tanto Winona Ryder nel film Gli anni dei ricordi.Già,dove risiede l’amore ,si chiede, ed esiste una ricetta perfetta? In fondo è come gli gnocchi,non esiste la ricetta perfetta ,saranno meravigliosi o risulteranno mollicci e appiccicosi?Non esistono regole da seguire,bisogna procede seguendo l’istinto. Io  mi predispongo per il meraviglioso,come quest’alba di primavera.

Con amore Gipsy

gnocco 5

gnocco 3

13100849_812057955592273_5987746369305444709_n

copertina11

gnocco 2

gnocco

 

Il Bocconotto Originale Calabrese e la modifica azzardata Gipsysoul

I bocconotti sono dolci di pasta frolla  tipici Calabresi della zona di Mormanno,Borgo del Parco Nazionale del Pollino .La ricetta tradizionale li vuole rigorosamente ripieni di mostarda di uva,ma la variante con altre marmellate a piacere è squisita ugualmente.Bocconotto significa piccolo boccone

ECCO LA RICETTA ORIGINALE

INGEDIENTI (per 4 persone )

300 grammi di farina

130 di zucchero

100 grammi di strutto

1 uovo intero  più un tuorlo

1 scorza di limone grattuggiato

1/2 cucchiaino di lievito

un pizzico di sale

un pezzo di burro (senza dose le comari dicono “ad uacchiu”)

1 vasetto di mostarda di uva fatta in casa  (o marmellata a piacere)

zucchero a velo

12038056_718100674988002_3117469897964831948_n

PROCEDIMENTO

  1. Setacciate la farina sulla spianatoia fate un piccolo buco in mezzo,versate l’uovo intero e il tuorlo
  2. Aggiungete il lievito , lo zucchero e lo strutto ,il limone grattuggiato ,il pizzico di sale,il pezzo di burro a piacere, impastate con le mani  .Il composto deve risultare morbido e compatto
  3. Imburrate ed infarinate le formine.
  4. Stendete  l’impasto  con il matterello,la sfoglia circa di due cm
  5. Ricavate dalla sfoglia dei quadrati ed inseriteli all’interno dell formine ,quello che fuoriesce tagliatelo con un coltello,servirà per altri bocconotti
  6. Riempite con un cucchiaino abbondante di mostarda d’uva
  7. Disponete le formine su una teglia, e e cuocete in forno  a 180° per circa 20 minuti
  8. Fate raffreddare poi spolverizzateli con zucchero a velo

12047202_718100708321332_8876031397701717578_n

LA MIA VARIANTE 

ho suddiviso la farina usando

150 grammi farina

150 grammi farina di mandorle

(le comari mi uccideranno ma il risultato è magnifico!!)

12032050_718100728321330_5697655552816062700_n

12036988_718100754987994_7321001273288373457_n

IL BORGO(MORMANNO CALABRO)

IMG_9811_Spicchio_di_Mormanno_800_

LE COMARIcomari

 

Gli scialatielli al profumo di cernia(e di Calabria)

Una brezza fresca stamattina sull’isola,che mi annuncia che l’estate sta finendo.Qualcuno già cucina,un odore forte di pesce e di basilico e di pomodorini appesi sulle soglie delle case bianche .Cammino sulla spiaggia e decido cosa preparare per il pranzo,una ricetta Calabrese al profumo della mia isola:l’estate non finisce qui,non oggi.

SCIALATIELLI AL PROFUMO DI CERNIA

La Ricetta

Ingredienti (per 3 persone):

Tempo 30 min.

  • 350g di scialatielli rigorosamente Pirro un marchio doc della mia Calabria
  • 300g di filetto di cernia
  • 100g di pomodorini
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 peperone
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 4 cucchiai di olio evo
  • sale e pepe nero.

Preparazione: 
Pulite il filetto di cernia, privandolo delle lische, lavatelo e tagliatelo a pezzettini. Fate appassire nell’olio l’aglio e il pepe nero e qualche listarella di peperone. Rosolatevi il pesce. Fate sfumare con il vino per 3-4 minuti. Unite i pomodorini sminuzzati, il sale e cuocete per 5-6 minuti, infine aggiungete il prezzemolo. Lessate gli scialatielli, scolateli al dente, conditeli con il ragù di pesce e serviteli ben caldi.


ScialatiellaProfumoCernia1-800x600w
SCSE002-500x500 (1)98a2bdce45acfa4a733792048bd7453fBeachGrass02

<a href=”http://www.bloglovin.com/blog/14383743/?claim=bmshhb6arxm”>Follow my blog with Bloglovin</a>