Capodanno #ricetta 6 Calamari farciti all’inzimino by Alain Ducasse

Ricetta dello Chef Alain Ducasse

Calamari-farciti-all’inzimino1
Ingredienti per 4 persone

Calamari 10 pezzi
Bietole 2 mazzi
Cipolla bianca 2 pezzi
Maggiorana 2 rametti
Salvia 3 foglie
Basilico 1 rametto
Timo 1 rametto
Prezzemolo 3 rametti
Limone nostrano 1 pezzo
Pecorino di cantina 40 g
Pepe nero in grani 10 pezzi
Olio d’olive QB
Sale QB

Pulire i calamari, le bietole, le erbe aromatiche, le cipolle.
Dividere le coste dal verde di bietole. Tenere le coste dentro l’acqua limonata. Sfogliare le erbe aromatiche, prelevare  le scorze del limone e tagliare a dadi le cipolle.
Dentro una pentola con un goccio d’olio d’oliva, saltare  ¾ del verde di bietole con il timo e raffreddare  subito. Spremere e ritirare tutta l’acqua.
Prendere un’altra pentola, rosolare le cipolle con il pepe nero schiacciato e raffreddare.
Dentro una ciotola grande mescolare il verde di bietole tritate, le cipolle, le erbe, il pecorino grattugiato, 2 calamari tritati e le scorze trinciate. Insaporire di: olio, sale e pepe macinato al momento.
Farcire i calamari (per  chiuderle aiutatevi  con gli stuzzicadenti )
Cuocere dentro una pentola con  coperchio le coste di bietole tagliate  in pezzi di circa 4 cm.
Spadellare i calamari farciti con la loro teste. Dopo la cottura , aggiungere il resto di verde e le coste. Insaporire con olio d’oliva e pepe macinato.

Dopo aver cucinato questo magnifico secondo di pesce stellato,non ci resta che correre a prepararci…………….

b374ea60599aecf02c1a6aa14ad802171

 

Annunci

Capodanno #ricetta 5 Linguine di Gragnano calamaretti spillo e salsa al pane di segale

Ricetta dello Chef Antonio Cannavacciuolo
Ristorante Villa Crespi

linguine-Chef-Antonio-Cannavacciuoloò

Ingredienti per 10 Porzioni

500gr linguine di Gragnano
Per i Calamaretti:
10 calamari medi
1 litro di fumetto di pesce
olio extra vergine di oliva
2 spicchi d’aglio
sale
pepe
pomodori pachino
prezzemolo
Per la salsa:
1 pane di segale
2 scalogni
6 rametti di timo
1 litro di brodo di pollo
sale
pepe
olio extra vergine di oliva
vino bianco
Procedimento
Far rosolare due spicchi d’aglio, aggiungere calamari tagliate a rondelle e spadellarli velocemente.    Aggiungere il fumetto, l’olio extra vergine d’oliva, sale e pepe. Cuocere le linguine in acqua salata e finire la cottura in padella. A cottura ultimata aggiungere i calamari il prezzemolo e i pomodorini. Con l’aiuto di un  colapasta e di una pinza fare un nido e posizionarlo al centro del piatto. Aggiungere la salsa di pane attorno alle linguine e infine posizionare calamari sopra le linguine.
Per la salsa:
Tagliare a cubetti il pane e tostarlo in forno. Rosolare lo scalogno tagliato a filange con olio e timo.  Aggiungere il pane sfumare con del vino bianco e bagnare con del brodo di pollo. A cottura ultimata frullare il tutto e passarla al passino fine.

 

Per la nostra notte magica indossare questo!!!! Cos’altro se no?
pppppppppppppppppppppppppppppp

Capodanno #ricetta 4 Spaghetti di Gragnano con calamari, bottarga, zucchine e ricci di mare dello chef Valentino Marcattilii

406-spaghetti-di-gragnano-con-calamari-bottarga-zucchine-e-ricci-di-mare

foto e ricetta:

http://winedharma.com/it/dharmag/novembre-2013/spaghetti-di-gragnano-con-calamari-bottarga-zucchine-e-ricci-di-mare

  • 4 persone

    Per la pasta

    • 350 g. di farina di semola di grano duro
    • 2 uova intere
    • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
    • un pizzico di sale

    Per la salsa

    • 100 g. di polpa di cozze
    • 50 gr di polpa di riccio di mare fresco
    • 100 gr di calamaretti velo ben puliti
    • alcune mazzancolle decorticate e tenere le teste a parte
    • 1 aglio schiacciato
    • 1 bicchiere di martiny dry
    • 1 peperoncino piccante
    • la polpa di 2 pomodori maturi tagliati a cubetti piccolissimi
    • 1 zucchina tagliata come il pomodoro
    • olio extra vergine di oliva
    • cerfoglio e dragoncello leggermente tagliuzzati

    Per la pasta

    Procedere come per una normale pasta da tagliatelle, se necessario aggiungere semola fino ad ottenere un impasto piuttosto duro, poi lasciatela riposare almeno 1 ora.

    Tirare la pasta piuttosto spessa e tagliare gli spaghetti con la apposita chitarra oppure con la macchina da pasta, poi farli asciugare possibilmente appesi.

    Fare soffriggere in olio d’oliva l’aglio e il peperoncino, quando saranno ben arrostiti unirvi le teste delle mazzancolle farle rosolare, bagnare con il Martini dry, fare evaporare per 20/ 30 secondi l’alcool spremere e schiacciare bene le teste per estrarne tutto il sugo nel tegame e gettare il carapace, unire le code, la polpa i cubetti di pomodoro e i calamari, togliere l’aglio e il peperoncino (se intero).

    Bollire gli spaghetti in abbondante acqua salata con le zucchine tenendoli ben al dente, scolare il tutto (tenere da parte una abbondante tazza d’acqua di cottura,) nella salsa e continuare la cottura per alcuni minuti aggiungendo un poco di acqua, da ultimo mantecate gli spaghetti con i ricci di mare e le erbe tritate. Aggiustate di sale e pepe se necessario dividere in piatti individuali e ultimare con un filo di olio d’oliva crudo.

    Il vino da abbinare

    Il piatto ha equilibrio delicato tra la dolcezza delle mazzancolle e la sapidità della bottarga. Scegliamo un vino bianco profumato e fresco, che possa armonizzarsi con una buona aromaticità alle suggestioni raffinate del piatto. Scegliamo un vino elegante come il Gewurztraminer dellacantina Marco Donati, che con i suoi profumi di pepe e rose si sposa meravigliosamente con la sinfonia marina del piatto.

4676190bdf77c5bcdf2c7f4a2adac1d1.

  • Non si può andare a tavola senza questo !!!

Capodanno #ricetta 3 Penne allo spada con pesto di pistacchi dello chef Simone Rugiati

Altre ricetta magnifica per il Menù di Capodanno,super stellata dello chef simone Rugiati

http://www.foodloft.it/articolo/ricetta/penne-allo-spada-con-pesto-di-pistacchi/

Penne-spada-e-pistacchi-blog-644x400

  • 320 g di penne
  • 120 g di pesto di pistacchi di bronte
  • 250 g di pesce spada
  • 100 g di ragusano grattugiato
  • 4 pomodori datterini
  • 1 arancia non trattata
  • 1/4 bicchiere di vino bianco
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe

Schiacciate l’aglio, mettetelo in una padella con un filo di olio extravergine, aggiungete i pomodori tagliati in 4 parti e stufate dolcemente il tutto.Tagliate lo spada a cubetti e mettetelo nella padella: quando sarà ben rosolato, sfumate con il vino bianco e regolate di sale e pepe.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e tuffatela ancora al dente nella padella con la salsa. Terminate la cottura con l’acqua della pasta e completate il piatto con il pesto di pistacchi, il ragusano e un’abbondante grattugiata di buccia di arancia.

da abbinare possibilmente……….

e71898f4a474f6b5d29a8b54da04e5f7

Il pesce mostruoso ce lo facciamo fritto

Adesso io sono un lago. Su me si china una donna
cercando in me di scoprire quella che lei è realmente.
Poi a quelle bugiarde si volta: alle candele o alla luna.
Io vedo la sua schiena e la rifletto fedelmente.
Me ne ripaga con lacrime e un agitare di mani.
Sono importante per lei. Anche lei viene e va.
Ogni mattina il suo viso si alterna all’oscurità.
In me lei ha annegato una ragazza, da me gli sorge incontro
giorno dopo giorno una vecchia, pesce mostruoso.»

Specchio, Sylvia Plath

PicMonkey CollageECCO

Foto Francesca Woodmanca8327777a76e71a3f2ab5ecaabf6560 LA RICETTA  dello Chef Alfonso Iaccarino – ristorante Don Alfonso 1890
S. Agata sui due Golfi (NA)

Frittura di Paranza, calamari, gamberi e verdure
con maionese alla barbabietola

Procedimento per la pastella
Unire gli ingredienti e mescolarli con cura evitando la formazione di grumi e conservare in frigorifero.
Ingredienti per la pastella per 4 persone
350 g farina 00; 330 g birra; 10 g sale fino; 2 tuorlo d’uovo

Procedimento per la frittura
Amalgamare i vari ingredienti nella pastella e friggere a 160°.
Ingredienti per la frittura
200 gr calamaretti; 100 gr gamberetti; 200 gr triglie; 200 gr alici; 200 gr sogliole; 200 gr merluzzo; 200 gr sarago; 200 gr verdure miste (finocchi, carote, ravanelli); olio extravergine d’oliva; sale

Procedimento per la maionese alla barbabietola
Macerare l’aglio nell’olio extravergine per 3 ore. Bollire le barbabietole e poi pelare, frullare e passare al setaccio i tuberi.
Preparare la maionese mescolando tutti gli ingredienti.

Ingredienti per la maionese
3 tuorli d’uovo; 2 dl olio extravergine d’oliva; 50 gr barbabietole; 10 gr aglio; 5 cl olio di semi; 1 cl succo di limone

Presentazione del piatto Collocare al centro di ciascun piatto una ciotola di maionese alla barbabietola e disporvi intorno il pesce e le verdure fritte ben

5_iaccarino_baby_paranza1_roma-gourmet1ricetta e foto

http://www.roma-gourmet.net/sito/?p=10136

Un cup cake ,una rosa gialla e un cuore meridano(perchè noi non regaliamo pacchettini per i compleanni)

6978_10200133219163020_483166607_n

A Rossana amata amica mia

Ti offro strette vie, tramonti disperati, la luna dei sobborghi deturpati.
Ti offro l’amarezza di un uomo che ha fissato a lungo la luna solitaria.
Ti offro i miei ancestri, i miei morti, quei fantasmi che i vivi onorano nel bronzo: il padre di mio padre ucciso nella frontiera di Buenos Aires, due pallottole nei polmoni, barbuto e morto, avvolto dai suoi nella pelle di vacca; il nonno di mia madre – ventiquattro anni appena – a capo di una brigata di trecento uomini nel Perù, nient’altro che fantasmi, ora, su cavalli sfumati.

Ti offro qualche frase riuscita tra i miei libri, qualche cenno di virilità o di umore nella mia vita.
Ti offro la lealtà di un uomo che non è mai stato leale.
Ti offro il centro di me stesso, che in qualche modo sono riuscito a salvaguardare – il cuore meridiano che non usa parole, non traffica coi sogni, ancora inattaccato dal tempo, dalla tristezza, dalle avversità.
Ti offro il ricordo di una rosa gialla osservata al tramonto, prima che tu nascessi.
Ti offro spiegazioni su te stesso, teorie su te stesso, autentiche e sorprendenti notizie su te stesso.
Posso offrirti la mia solitudine, la mia penombra, il mio cuore in fame; sto cercando di comperarti con l’incertezza, il pericolo, la sconfitta.
J. L. Borges & Gipsy
con Amore per sempre

food-cake-cupcake-cream-pink-rose-rosette-fork-plate-1920x1440

Il cup cake di Luca Montersino (all’arancia e cioccolato)
Ingredienti:
225 gr farina debole
36 gr cacao amaro
1 bustina lievito istantaneo
90 gr zucchero di canna
105 gr gocce di cioccolato fondente
45 gr scorza di arancio candito
75 gr uova
285 gr latte intero fresco
70 burro
6 gr grand marnier
Procedimento:
Setacciare farina, lievito e cacao, unire lo zucchero. Disperdere la pasta di canditi nelle polveri. A parte sbattere uova e latte, e versare il liquido sulle polveri, lavorando il meno possibile. Unire il burro fuso, e le gocce di cioccolato. Riempire i pirottini per 3/4 e cuocere a 210* per 10 minuti.
Decorare a piacere

0000000000000000000000000000000000

Plum Cake classico di Montersino con un pizzico di Gipsysoul

Prima di andare al mare volevo preparare un dolce per i miei ragazzi.Noi stiamo tutto il giorno in acqua e di solito facciamo negli intervalli uno spuntino dolce con un succo.Ho preparato un Plum Cake la ricetta è di Montersino io ho aggiunto essenze di rosa e  di fiori di lavanda,ho messo un po’ di essenze anche nella glassa.Al mio figlio minore non è piaciuto:”Mamma sa di fiori!!!!!”

11111111

ecco la ricetta
dosi per un plum cake da 24 cm
500 grammi di farina
15 grammi di lievito per dolci
4 uova grandi
250 grammi di burro morbido
250 grammi di zucchero a velo
125 grammi di latte fresco
50 grammi di rhum
100 grammi di pinoli
buccia di un limone grattuggiata
vaniglia in bacche
cedro a cubettini e arancia, canditi, a piacere
un cucchiaino di essenza alla rosa
un cucchiaino di essenza alla lavanda

montare bene il burro morbido con lo zucchero a velo,appena raggiunto un composto bianco , montato e spumoso, aggiungere gli aromi e man mano le uova, aggiungere poi anche il latte , il rhum e alla fine la farina ed il lievito setacciati. Lavorare con una spatola fino ad ottenere un composto omogeneo, aggiungere i pinoli precedentemente ammollate nel rum e ben strizzate.
Poi l’ho ricoperta di glassa profumata