Una lettera d’amore dalla mia “ragazza magica “

17191413_10212698883255904_4674513311441798843_n
“La mia ragazza è magica
E lancia in aria il mondo e lo riprende al volo
Trasforma un pomeriggio in un capolavoro”

Cara Gipsy,
cara al mio cuore,
oggi ti scrivo da una valigia.
Dentro ci ho messo tutta me stessa… e ci sto un po’ stretta, ma quando la valigia si riaprirà, arrivata a destinazione, sono certa che respirerò di nuovo.
È per questo che ho fatto questa valigia, per respirare di nuovo, ed è per questo che dentro ci ho messo solo me stessa.
A casa lascio delle certezze che chiamo per nome,
lascio un limbo d’amore in cui non voglio perdere il mio cuore, lascio le sospensioni, i forse i ma e i se.
Lascio le lacrime dei suoi occhi e anche le mie.
Porto con me la mia storia, il coraggio che ho trovato in giro nascosto negli angoli di casa mia, il mio cuore che mi frega sempre, ma mi salva ogni volta, porto il mio sorriso e la voglia di salvarmi.
Porto i miei ricordi per ricordare sempre quel che sono, da dove vengo e come ho fatto ad arrivare fino a qui.

Non so cosa mi aspetta…
né all’andata né tanto meno al ritorno.

E forse non m’importa, in fondo non cerco niente che non sia qualcosa.
Mi auguro il meglio perché me lo merito!
Mi auguro: “mi mancherai” “mi manchi” “torna presto” “ti aspetto qui” “non ti dimenticherò” “sei nei miei pensieri” “torna da me” “sei qui…”

Mi ero stancata di stare da sola nella casa dei giunchi, e in fondo Pepe non aveva molto tempo da dedicarmi, e non mi chiedo più neanche il perché!
Ora so chi sono e so chi e cosa voglio.
Ma soprattutto so che chi vuole far parte del mio viaggio, quello vero, quello di ogni giorno, deve dimostrarlo;
può scegliere il suo posto ma devo saperlo occupare.

Ti mando un abbraccio d’ali per avvolgerti e per farti volare

Tivogliobenepersempre
Marzia
❤XXX

17103571_10212709018749285_6552707231392917525_n

Di magie,d’amore e di tanto blu intorno

io_1

Lettera dal Land

Baviera, è già Ottobre ed è finita l’Estate

 Mia Gipsy,

sono stata lontana, lo so.

Ma sapessi le cose che ho visto, i luoghi che ho visitato e quella strana estate che è trascorsa tra aerei, sole, il mio lago che sembrava dorato, e poi casa. Casa. Con la mia gente, la mia lingua, le stradine che conosco a memoria, il mio bar preferito, il Signore dei fiori, proprio all’angolo della mia via. Quel profumo, inconfondibile, delle cose quando sono tue.

Ho visto un aereo gigante che avrei voluto fosse il mio, e invece.. ho visto il cielo di un tramonto bavarese e dopo un’ora la fine del giorno nel mio cielo romano, è strano, sembrava diverso, il secondo un po’ più grande, che forse mi aspettava.

Ho visto un bambino addormentarsi accanto a me, stringermi il braccio come se mi conoscesse, e invece.. ho mangiato un dolce mai visto prima che sapeva di cannella e di una cosa che ancora oggi resta un mistero, ma che buono era.

Ho visto la mia città riposare accaldata e d’improvviso svegliarsi per abbracciare la pioggia, stranamente lieve, e ho pensato è finita l’estate, e invece..

 

E poi, Gipsy, ho volato ancora e ho visto un’isola e il suo mare. Quanto mi era mancato, quel rumore e quel blu, nemmeno lo sapevo che una cosa poteva mancarti così tanto proprio quando te la ritrovi davanti. Scoperte che ti lasciano lì a pensare, e ti regalano qualcosa che potrai scrivere a un’amica, un giorno, una col cuore matto e le mani d’oro che lo capirà. Una come te, Gipsy.

Ti scrivo accanto al mio caffè tedesco, un freddo che non avrei voluto e la scatolina vuota di un dolcetto finito, in un Lunedì di nuovi inizi e vecchie sensazioni. Lo faccio oggi perché mi porti fortuna, e nelle grandi occasioni ho sempre bisogno della magia così normale che si respira a star con te.

sabrina.png

 

E tu, che hai fatto tu in questo tempo? Cosa hai visto tu?

Guardo le tue foto, talvolta, che sembrano venire da un altro pianeta, quei colori che non si possono descrivere e l’aria che si sente attraverso, come può una foto profumare di un’emozione, essere appesa lì nel nulla virtuale dove l’hai collocata eppure librarsi alta e libera come un’idea illuminata o un sogno in carne e ossa.. ma come fai Gipsy? Dovrai, un giorno, insegnarmi la magia delle tue magie. E spiegarmi come fai ad avere sempre tutto quel blu intorno. Splendido.

 

Sono molto indaffarata in questi giorni, schizzo tra un posto e l’altro e il tempo mi scappa via, che a inseguirlo mi viene da ridere e mi fanno male i piedi nelle scarpe nuove – come le amo quelle scarpe nuove, mi assomigliano ma sono più belle! – e tanto lo so che non lo riprendo, che sarò in ritardo per tutta la vita, e a niente valgono le scuse ignobili e divertenti che mi ripeto mentre desisto e smetto di correre, gli alibi scemi di una che cammina e parla da sola, quasi sempre a bassa voce, col sorriso che si vede troppo e i capelli spettinati che vanno dove vogliono, ma mai dove vuoi tu (ci hai mai fatto caso?).

Però, ecco, gli impegni mi piacciono, mi fanno sentire che sono presente a me stessa, e i miei obiettivi strampalati hanno sempre colori vivaci e un sacco di luce, e mentre ti scrivo sembrano d’improvviso già tutti qui, a portata di mano, a portata delle nostre mani. Non ti sembra perfetta, la perfezione di un’idea che si fa progetto e poi realtà vissuta?

 

Sai, Gipsy, certi giorni mi sembra di essere rimasta davanti a quel mare, come se un pezzo di me non fosse ripartito più. Mi sembra, certe sere, di sentire la stessa rilassante sicurezza di un’onda che si posa, finalmente arrivata, con un rumore piccolo ma sempre uguale, sicuro, una roba che riconosci subito, e sulla quale sai di poter contare. Qualsiasi cosa accada, quel rumore arriverà, e così arriva, certe sere, ed è una sensazione bella ma anche così vera, se posso usare un termine sbagliato. Vera.

E sono giorni che penso a quel mare, e a tutti i mari, veri e immaginari, e mi chiedo solo una cosa, la stessa che un giorno ho letto in un libro e che non mi ha mai più lasciato. Non è un dubbio, ma una domanda lasciata lì, che vale sempre e non scade e di cui io non ho la risposta. Ma tu si, tu ce l’hai.

E mi piace credere che quel tuo non finisce mai sia l’unica, reale verità, la risposta giusta che io non avrei mai saputo pronunciare, e che non pronuncio, infatti, ma ascolto.

Detta da te, Gipsy, sembra un po’ più vera.

 

Ti lascio, ma stavolta per poco,

 

Sabrina

1d84776ed04bdad8bf5474b79dba42a5

 

 

Sabrina #6 Ho scritto di un viaggio…..

sabrina 1

Lettera dal Land

Baviera, primo vero giorno di Primavera

Gipsy del cuore,

finalmente è arrivata, oggi, sorridente come un bimbo col primo cono gelato della stagione in mano, la Primavera bavarese. Ci ha colti tutti di sorpresa, a dir la verità, ché ci aspettavamo cieli grigi e venti del Nord suggeriti dai nostri super (inutili) moderni telefoni, e invece eccola, vestita di azzurro, elegantissima come sempre. A dir la verità non so bene quanto resterà, in Baviera le stagioni ti vengono a trovare per pochi giorni, poi scappano chissà dove e tornano quando tu non sei pronta ad accoglierle e sulla tua tavola non hai niente di preparato  e sfizioso da offrire. Credo che lo facciano per vedere quanto tu sia ospitale e creativa, generosa e ottimista, e spesso mi viene da pensare a te, che qui dalle mie parti saresti la padrona di casa preferita di ogni Primavera e di ogni Signora Estate, con la tua cucina profumata e sempre pronta, col tuo cielo nelle stanze di casa e l’odore del teatro dietro la porta.

Gipsy, capisci che non potevo scegliere giorno migliore per scriverti. Il primo vero giorno di Frau Primavera (come si indicano le signore qui in Baviera).  In queste settimane di minestre calde e serate gelide ho pensato a tante cose, e sognato molto. Moltissimo. Ho scritto di un viaggio che voglio fare presto, in un posto che ho già visto ma che mi chiama da un po’,  e tu sai quanto sia difficile dire no alle cose che ami. So già che verrai con me, a prescindere dalla noiosa distanza fisica che ci separa e che ormai si è fatta dettaglio inutile, che noi abbiamo imparato a deridere in un modo che ancora oggi mi stupisce  e mi diverte tantissimo. Ho già deciso che la prima foto che scatterò sarà per te, un pezzo di cielo assolato in una terra un po’ lontana, ma neanche troppo, che parla una lingua difficile e sconosciuta, in una città dai mille ponti, tutti eleganti e maestosi, eppure anche semplici, se capisci che intendo. Non sarà bello essere lì insieme?

Nel frattempo continuo a scrivere – non so ancora quando partirò, ché io le cose non so programmarle ma anzi sono loro che di colpo mi prendono per mano e mi portano via, sequestrandomi per giorni in una magia che poi quasi sempre fatico a dimenticare – continuo a scrivere, sì, dividendomi tra il lavoro e le lettere agli amici, che io ancora scrivo a mano, come facevo da bambina. Quanto ho amato scrivere lettere a mano, Gipsy!  Le imperfezioni, le parole sempre un po’ storte, le virgole e i punti accennati ma vivi, la data in alto a immortalare un momento che non tornerà più, e che ti mancherà, un giorno, e poi righe fitte di emozioni e domande scritte che si portano già dentro la speranza di una risposta, e alla fine i baci e gli abbracci fatti di lettere ma anche di gesti invisibili, racchiusi in poche parole, fino alla firma, quel tuo nome a chiudere un cerchio, come il buio alla fine di uno spettacolo, il tuo nome scritto come un inchino. Gipsy, se rinasco voglio fare lo scrivano!!

Sono stata a Roma, solo pochi giorni di casa, e per la strada ho sentito una voce portata dal vento gentile di una stagione già bella, un uomo che parlava con tutta la calma del mondo, e in quel luogo così poco tranquillo come è la mia città, mi è sembrato quasi un miracolo di Dio, la voce di uno che si è rubato il tempo degli uomini e se ne va in giro a restituirlo a caso, a chi ha la fortuna e la pazienza di ascoltarlo. Anche lì ho pensato a te, ripromettendomi di raccontartelo, ché tu puoi capire bene come ci si sente quando una voce, nel rumore della vita, ti blocca il passo e ti colpisce come il primo schiaffo che ti ha dato tua madre, che poi alla fine e per sempre non dimentichi più. Ecco, non riesco a dimenticare quella voce e quel modo così lieve di essere, eppure così forte. Allora ho capito che devo scriverci su, crearci dietro un mondo di idee strambe e improbabili così tanto care alle persone strambe e improbabili che forse noi siamo.. E chissà se ho sbagliato ad aggiungere forse!!

Roma è sempre più  bella e sempre più disperata, e mi sono chiesta se anche questo suo essere così drammatica la renda la meraviglia che è. In ogni caso è sempre casa mia.  E mi ha colpito capire, forse davvero per la prima volta, quanto diversa sia da questo Land. A Roma la Primavera arriva per restare, così come le altre sue compagne, non fa troppi scherzi e non ha fretta di andare, non ti sorprende più di tanto ma anzi bussa alla porta prima di entrare e poi si accomoda, aspettando che tu le renda gli omaggi che merita. Ma se non lo fai non si offende, sta seduta lì e va via solo quando proprio deve. Non è capricciosa né troppo viziata, e tu sai sempre cosa fare. Qui no, qui è più difficile. Eppure..

 

Gipsy, che si dice nella tua Isola? Mi piacerebbe leggere che c’è un tempo buono, e che buoni sono i sogni sotto quel pezzo di cielo, e gentili, che Frau Primavera non fa i capricci ma anzi che ogni giorno si accomoda alla tua tavola a mangiare quel che c’è, con grazia e sorrisi.  Mi piacerebbe leggere che Speranza e Futuro sono le protagoniste di quello spettacolo che è la tua Isola, che contrariamente a quanto si pensa, è un’Isola che c’è. Eccome!

e lo dai un consiglio prima che io ti lasci? Me lo dici quale pasto ama la Primavera, e cosa posso mettere sulla tavola per sedurla e convincerla a restare? Sai che per me solo tu puoi farlo.

Come sempre ti lascio, come sempre per poco,

Sabrina

sabrina 2

 

 

Sabrina #4 E così fu …..di cicoria di tulipani e del vento dentro

79e974321f73ac19cc314369368117961.jpg

Lettera dal Land

Baviera, ultimi giorni di Dicembre

Mia preziosa, preziosa Gipsy,

ho camminato tra rami e boschi gentili, ieri, case di legno grandi e profumose di vita alla cannella, balconi decorati e fiori, e un uomo che mi è passato davanti – o attraverso, non so ancora – col vento dentro. Cercavo tulipani che non ho trovato, in mezzo a questi giardini da favola antica, perché li avevo visti nella tua cucina e volevo portarmeli a casa. Aspetterò di trovarli nel campo di fiori liberi che c’è qui, dove per un solo pensiero scritto a qualcuno e lasciato in una cassetta blu, puoi portarti via petali e colori e fiori di ogni genere. Così, con una poesia che ti atterrisce, la Baviera ti regala sogni floreali e realtà da annusare quando vuoi.

Non ho trovato i tulipani, Gipsy, ma la storia sì. La tua. Ho spostato un ramo e una signora mi ha visto nel suo giardino, d’improvviso, a spiarle il tempo e lo spazio. Io ho gridato, lei no. Ha sorriso un poco e raccolto un cestino  pieno di cose che non conosco, dello stesso colore del suo scialle invernale. E poi per me la sorpresa.

Mi ha scoperta italiana al primo sguardo, un po’ strana al secondo, e al terzo ho scoperto io che sapeva parlare la nostra lingua. Non quella del nostro paese, ma proprio la nostra, quella delle emozioni, delle storie raccontate con espressioni e gesti puliti, delle azioni sceniche essenziali, evocatrici, reali e metaforiche, assurde nell’accezione che conosciamo, la lingua della parola espressa che rimanda a immagini e sensazioni, nel più puro donarsi ogni giorno ed essere strumento e veicolo di vite che da qualche parte, in qualche tempo, vivono davvero.

Mi ha donato la storia per te, quella che cercavo dietro il sole insperato di questo inverno, su un libro che non capivo, nei chilometri che ho fatto per vedermi un altro pezzo di mondo, e che invece ho trovato in lei, capelli argento in un giardino ad anfiteatro, gesti chiari e poche parole, quelle che servivano, e il resto solo fantasia. Che io chiamo creare, ma anche essere.

8c1498cac9fadfc5d36c59642fdd5c7a.jpg

La nobile storia della cicoria e del suo fiore

“Narra un’ antica leggenda bavarese che un giorno una bellissima principessa venne abbandonata dal suo amato principe, sedotto senza speranza da una ninfa. Incredula e disperata, la principessa corse e corse, inseguita dalle sue damigelle, fino a che non giunse in un palazzo dai colori magnifici ma sbiaditi. Senza pensarci la giovane sposa entrò e inginocchiatasi al centro della grande stanza ovale, pianse giorni di lacrime e dolore.

Le damigelle non sapevano che fare, lì intono a lei le facevano da scudo, come per proteggerla. Ma la principessa non riusciva a smettere di pensare al suo amato ormai perduto, non tratteneva il pianto e il suo corpo, piegato dai singhiozzi, era via via sempre più debole. La tristezza e la paura prese le damigelle, quando dopo tanto abbattersi, la principessa esclamò

– Voglio morire, anche se non lo vorrei, perché non posso vivere pensando di non poterlo più rivedere ovunque io vada.

Allora le damigelle esclamarono all’unisono

– Se è questo che vuoi, allora anche noi lo desideriamo. Vogliamo morire, anche se non lo vorremmo, ma la nostra morte non deve essere vana: morire, si, ma che sia lui a vederci ovunque, il principe infedele, su ogni strada che percorre. Questo vorremmo.

E qualcuno ascoltò le loro preghiere, e anche se nessuno potrebbe giurare che fosse la voce di Dio, ecco che una voce le raggiunse:

– Ho ascoltato il vostro dolore e i desideri, e vi porrò rimedio e fine. Non morirete, questo è certo. Diverrete dei fiori splendidi, tutte. Ma tu, dolce e disperata principessa , avrai il colore bianco del tuo vestito di sposa splendida e vivrai in tutte le strade in cui il principe camminerà, per vederlo in eterno senza essere vista.  Voi, damigelle fedeli, vi trasformerete in splendidi fiori azzurri e abiterete tutte le vie e i campi e i luoghi che il principe si troverà a percorrere, perché in ogni angolo lui vi scorga e vi veda per primo e dappertutto.

E così fu.”

bff57bf09b4d9e0b8878c1f44c16b4751

Per questo motivo, ancora oggi, il fiore della cicoria è chiamato qui Wegwarte, “guardiana delle strade”, e si schiude all’alba per poi richiudersi al tramonto, quando il principe, lontano dalle strade, è ormai tornato al suo castello.

La tua storia Gipsy, che ha il profumo delle tue cose buone, la poesia del nostro essere teatranti, e la voce e gli occhi e i gesti di una signora bavarese sconosciuta, con un cesto in mano, in un giardino ad anfiteatro, in un giorno qualunque. Ma forse mi sbaglio. Forse, quella signora, io l’ho conosciuta in un modo in cui è difficile conoscere qualcuno. Forse l’ho conosciuta davvero.

Ti arriverà, ne sono certa, il mio lungo abbraccio,

Sabrina

f7bf491931987225b7315d4d983fbb2b

#Camilla 4 Portami…………..

298877_2469891636444_2050445356_njjjj

Portami in quel posto dove hai detto che mi vuoi portare.
Partiamo insieme, perché è insieme che sconfiggiamo la morte.
Se piangiamo, ridiamo, ci disperiamo o ci guardiamo negli occhi.
Quando mi dici di non fumare o io noto i tuoi capelli, una piccola parte di noi si salva.
Allora portami, senza pensare, dove ti pare.
Se c’è la sabbia rossa o la neve non importa, perché sarà una strada nuova.
Ogni strada nuova, una piccola parte di noi è salva.
In questo passato, in quel presente, al futuro.
Portami, perché è più importante per me andare che restare qui.
Ho sempre due gocce di lacrime attaccate sulle ciglia, perché tu sei un marinaio ed hai il sale sulle mani.
Portami, perché è me che vuoi al fianco.
Sulla tua nave, in un romanzo, nel presepe di Natale.
Io ti confesso che soffro i viaggi e lamento una nausea ogni volta che andiamo perché ad ogni curva non smetto di guardarti.

Per sempre marinai…..

Camilla

 

Camilla#3 Il mio polso,il mio gomito,i tuoi occhi lunghissimi..

CAMILLA 3

Il giorno in cui ti lascerò andare sarà un giorno molto allegro: Piangerò con estrema serietà e ad alta voce. Ad accoglierti alla stazione dei treni ci saranno tre giraffe che profumano di lavanda. Tu sei stato sul treno per tre giorni, il tempo che ci vuole per dimenticarmi. Il giorno in cui ti lascerò andare sarà di Aprile, perché è il mese più crudele dell’anno. Ti accompagnerò alla porta della mia casa cantandoti una canzone che conosciamo solo io e te: Andandotene tu non sarai poi triste, sapendola une decisione già presa per tempo. Cantando, fra una strofa e l’altra, dirò parole d’addio, molto dolci, ma anche, a tratti, divertenti, con passi lenti, di ciabatte molto usate. Tu, mi starai davanti, in questa processione al contrario e ti girerai per implorarmi con uno sguardo di riiniziare a cantare, di smettere di parlare. Avrai una valigia di pelle blu e gli occhi lunghissimi. Vorrò darti un bacio sulla guancia prima di andare e così ti passerò una lacrima sicura di sé, una lacrima che volge le cose a giustizia. Salirai sul treno portandola con te. Ma sai, alla partenza, sporgendoti dal finestrino del treno, la velocità farà scivolare la lacrime lungo la tua faccia: La percorrerà tutta obliquamente e poi a terra.

CAMILLA11

Il giorno in cui ti lascerò andare porterai via il mio polso e il mio gomito. Ci saranno solo ore di carta e molte più cose saranno combustibili. Alla stazione tre giraffe color lavanda ti accoglieranno con molto esntusiasmo e fiori di pesco in ghirlande. Per tutti e tre giorni di viaggio mi hai pensato: Avrai compresso gli anni in giorni, i giorni in minuti, i minuti in secondi, così da poter ripercorrere tutta la nostra vita. Poi, col fischio, sarà svanita ogni problematica circa l’incontinenza, la predestinazione e il bene comune e tu poserai il piede a terra. “Prego signore, scenda”. Un passo, un piede, poi l’altro, il gomito e il manico. Appena il piede toccherà terra. : Si, appena il movimento avrà finito di muoversi e di muoverti. Appena la forza di gravità si rimpossesserà di te più definitivamente. Il giorno in cui ti avrò lasciato andare per amore: ” Ti prego, Amore, non lo poggiare!” Il gradino metallico ti scivola giù dalla suola. Appena hai posato il piede a terra hai smesso di amarmi. Il giorno in cui ti avrò lasciato andare ti basterà posare il piede a terra. ” Posalo, Amore.” Il giorno in cui tu avrai lasciato me io ti amerò per sempre.

CAMILLA 2