#RICETTA 1 Moussaka di parole

1931059_31854584444_912_n

Non ti portavo regali ma assaggi di viaggio. E’ così che cominciava il racconto ogni volta che tornavo. Raccoglievo ricordi sensazioni odori, pensieri in un piatto. Il mio speciale piatto ricordo per te.

Per te che viaggiare non potevi e non avevi mai potuto, per te che vivevi dei nostri racconti  e che sapevi ascoltare e capire cosa c’era dietro  ogni parola.La moussaka  è stato il mio regalo dalla Grecia e credo sia stato il tuo preferito.
Dentro c’erano il vento, il sole, il mare, il candore delle case, le paglierine sulla spiaggia, il vino buono e i sorrisi.
Affettiamo le melanzane e le friggiamo, poi uguale con le patate. La besciamella la fai tu perchè io a girare non sono mai stata brava, mi si stanca subito il polso. E fai anche anche il ragù, che non è quello bolognese ma fresco, arabo, profuma di vita e per farlo devi pensare di cucinare in riva al mare.
Gli strati li compongo io perchè tu sei una pasticciona e imbrogli sempre.La cucina alla fine non si riconosce. C’è una catasta di pentole nel lavabo, l’olio unge tutte le pareti, le macchie di besciamella sul pavimento si confondono con il colore del granito, per fortuna…
Anche noi ci odoriamo a vicenda e ridiamo per la puzza di fritto tra i capelli.
Abbiamo cucinato insieme, sulla spiaggia, un’altra volta.
Valentina
Children-Photography-by-Alain-Laboile7
Foto:Alain Laboile
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...